Viaggio a Fuerteventura – i consigli

Ciao ragazzi, in questo momento sono nell’aereo di ritorno dal mio kitetrip a Fuerteventura. Vi scrivo questa piccola guida affinchè, nel caso abbiate intenzione di intraprendere un viaggio in quest’isola, abbiate un punto di partenza.

 

FAQ

Pacchetto o viaggio fai da te?

Se siete delle persone che non si fermano di certo davanti al problema di girare un paio di appartementi per trovare una stanza libera, il consiglio che mi sento di darvi e di prenotare il primo Ryanair o qualsiasi low cost (con bagaglio da stiva e sportivo) e cercarvi un alloggio direttamente in loco. Si possono trovare camere a partire da 15 euro a notte. La vita nell’isola costa molto meno che in Italia: in supermercato troverete dell’ottima frutta, verdura e prodotti tipici locali (vi consiglio di provare formaggio e carne di capra in primis) a prezzi convenienti. Anche mangiare fuori non è così costoso (un piatto di carne alla brace con contorno e una birra da mezzo 12/15 euro a persona).

 

Noleggio auto, è necessario?

Si, se la prenotate da internet prima di partire o la prendete direttamente in aeroporto riuscirete a spendere molto meno. La macchina a Fuerte è necessaria in quanto i vari spot sono lontani l’uno dall’altro e anche dagli appartamenti. Spesso bisogna cambiare spot per poter poter uscire in quanto da un lato il vento risulterà sempre off shore.

Inoltre l’auto è utile se decidete di fare un giro dell’isola.

Cosa importante: la benzina costa molto poco (0,9 Euro al litro ca.).


Kite – vele

Il vento a Fuerventura soffia quasi tutti i giorni e in base alle perturbazioni e alla direzione è più o meno forte. Il consiglio che mi sento di darvi, se fate freestyle, è di portare una vela grande (12 max) e una piccola (8 m).

Per gli amanti del wave direi che una 8 m basterà per farvi superare le splendide onde oceaniche.


Se non c’è vento?

L’isola sembra un parco giochi per sportivi, se manca il vento, potrete dedicarsi al surf da onda, a Corralejo ci sono delle scuole che vi portano direttamente negli spot e vi fanno scuola. Se siete già pratici potete noleggiarvi una tavola e andare a Il Cotillo.

Un’ altra alternativa potrebbe essere un ottimo giro in bici: in quasi tutta l’isola ci sono piste ciclabili nuove e appena asfaltate.

Potrei continuare all’infinito, con il quad nel deserto, la mountain bike tra le rocce, le canoe ecc… insomma non c’è proprio il tempo di annoiarsi.

Se avete qualche domanda o volete aggiungere qualcosa usate i commenti qui in basso.